Se non avete fatto il vaccino contro la polio da bambini sappiate che prima di intraprendere un viaggio in Madagascar è bene allora farlo. Inoltre se volete visitare il Madagascar, fate attenzione a cosa mangiate, evitate cibi crudi e affidatevi ad un professionista dei viaggi organizzati per essere sicuri.

Viaggiare sicuri in Madagascar: quali documenti

Per un viaggio in Madagascar serve il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dal giorno di ingresso nel Paese.
E’ necessario anche il visto di ingresso che viene rilasciato direttamente in aeroporto al momento dell’ingresso pagando una tassa prevista dalle norme interne. Sempre al momento dell’ingresso in Madagascar dovrete anche mostrare il biglietto aereo di ritorno, mentre controllata che il passaporto abbia almeno una pagina vuota per il timbro del visto di ingresso e del permesso di soggiorno temporaneo.

La moneta locale è l’Ariary, ma se entrate con una somma di denaro in qualsiasi valuta estera di valore superiore a 7500 euro, fate l’opportuna dichiarazione perché al momento dell’uscita potrebbero incappare in eventuali contestazioni.

Viaggiare sicuri in Madagascar: quali vaccini

Per entrare in Madagascar, è necessario il vaccino contro la febbre gialla se arrivate da un Paese dove il rischio trasmissione di questa malattia è alto.

Per il resto si consiglia il vaccino contro la poliomielite, quello contro l’epatite A e B e di fare la profilassi antimalarica.

Vista la generale condizione di povertà nel paese si consiglia vivamente di evitare di mangiare cibi crudi, di bere acqua e bevande solo in bottiglie sigillate e senza ghiaccio.

Viene inoltre sconsigliato vivamente di fare bagni nei fiumi o nei laghi d’acqua dolce per la presenza di parassiti che causano biliarziosi.

Nel paese si sono verificati casi di colera e rabbia, mentre la malaria è diffusa soprattutto nelle zone costiere. Per tutti questi motivi si consiglia vivamente di stipulare una buona polizza sanitaria che possa assistervi in casi d’urgenza, anche perché il sistema sanitario in Madagascar non è dei migliori.

Si consiglia però di stipulare comunque una buona polizza viaggi per mettersi al riparo anche da qualsiasi altra brutta sorpresa, come lo smarrimento dei bagagli o la necessità di rientro anticipato.

Quando fare un viaggio in Madagascar

In Madagascar da gennaio a marzo c’è la stagione dei cicloni e delle tempeste tropicali; se proprio dovete recarvi nel paese in questo periodo cercate di evitare le zone particolarmente interessate e controllate sempre gli allarmi meteo sul sito della Farnesina.

Viaggiare sicuri in Madagascar: consigli utili

Il Madagascar è un paese piuttosto arretrato e purtroppo presenta un alto grado di povertà tra la popolazione, quindi gli episodi di criminalità sono frequenti soprattutto nelle zone turistiche e nelle grandi città.
Si registrano infatti rapine e aggressioni a danno di turisti e per questo è vivamente consigliato di evitare le zone a sud del paese dove è presente il fenomeno del banditismo.

Questi i principali consigli:

  • affidarsi a tour operator esperti e altamente professionali;
  • non girate di notte nei centri urbani ed evitate luoghi isolati;
  • non mettete in mostra oggetti di valore;
  • portate sempre con voi una fotocopia del passaporto, conservando in un luogo sicuro l’originale;
  • fate attenzione alle strade perché soprattutto durante la stagione delle piogge potrebbero essere impraticabili;
  • attenzione al trasporto pubblico perché non è molto efficiente e sicuro;
  • affidatevi solo a taxi riconosciuti e ufficiali;
  • se affittate un’auto controllate che sia assicurata anche contro il furto.

Il Sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Continuando nella navigazione si accetta l'utilizzo di questi cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi